Castiglione delle Stiviere, convegno Visioni Educative Metodo Montessori

Sala Consiliare gremita a Castiglione delle Stiviere (Mantova) per il convegno del 24 novembre scorso dedicato al Metodo Montessori nella scuola pubblica: oltre 100 i partecipanti tra genitori, insegnanti e studenti universitari provenienti anche dai Comuni limitrofi come Lonato del Garda, Montichiari, Ghedi, Carpenedolo, Mantova, Castel Goffredo, Medole, Solferino, Viadana, Volta Mantovana, Asola.

L'evento, intitolato "Visioni Educative: Valore e attualità della Pedagogia Montessori a scuola e in famiglia", è stato organizzato dal Comitato Educazione e Scienza, ed ha goduto del patrocinio della Città di Castiglione delle Stiviere.

I partecipanti sono stati accolti dai saluti del Sindaco Enrico Volpi e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Manlio Paganella che, partecipando all’intero evento con interventi mirati sulle tematiche del convegno, hanno evidenziato come la migliore educazione possibile sia al centro del programma di governo della città.

Metodo Montessori significa accogliere ogni bambino nella sua assoluta unicità

Molto apprezzati gli interventi dell’Ing. Mario Valle - scienziato e della Dott.ssa Paolo Abondio - pedagogista e dirigente scolastica scuola pubblica.

Mario Valle: "Come scienziato sono rimasto affascinato da come le idee e intuizioni di Maria Montessori poggino su una solida base scientifica, che le rende rilevanti anche nel mondo tecnologico di oggi. Non solo, Montessori aveva ben chiaro in mente che al primo posto viene sempre il bambino e le sue esigenze di sviluppo, ed era convinta che gli ausili meccanici, la tecnologia, saranno una necessità generale nelle scuole del futuro".

Paola Abondio: "La scuola percepisce con grande consapevolezza la difficoltà dell’educare, del dare un senso al proprio lavoro in un contesto che spinge sempre più verso la quantità a scapito della qualità. Scegliere il metodo Montessori vuol dire coltivare un maggiore ottimismo verso il futuro, avere la capacità di leggere la complessità, ma anche di collegare i saperi e dare loro senso; vuol dire accogliere ogni bambino nella sua assoluta unicità".

Sintesi conclusiva di Maurizio Montesano, pedagogista e presidente del Comitato Educazione e Scienza, che ha messo in evidenza come l’obiettivo educativo primario nell’educazione del terzo millennio sia la "consapevolezza di sé", lo sviluppo nei ragazzi della capacità di saper bene valutare se stessi in un mondo che cambia velocemente e intensamente.

Leggi anche

Sostieni

MantoBimbi desidera fornire un servizio sempre più ricco di contenuti: puoi aiutarci ad affrontare le spese di gestione di questo portale con una donazione in denaro, anche minima. Fai clic qui sotto e segui le indicazioni, grazie.

Dona...

Segnala

Puoi aiutarci ad arricchire i contenuti del portale con la segnalazione di un evento che risulti interessante per bambini o genitori. Fai clic qui sotto e segui le indicazioni, grazie.

Segnala...